L’innovazione non va in vacanza