Identità, social e odio on line, la nuova (forse inutile) proposta di legge

Ci risiamo: ancora una volta nel nostro Paese si sceglie di inneggiare a nuove proposte di legge, battendo il ferro sempre caldo della digitalizzazione, piuttosto che sforzarsi di ragionare, a mente fredda, sugli strumenti già disponibili ex lege a livello nazionale.

È il caso della proposta di Legge avanzata con un tweet dal deputato renziano Luigi Marattin di Italia Viva, per obbligare chiunque apra un profilo social a fornire un documento utile all’identificazione.

Ancora una volta tanto rumore per nulla? L’avv. Andrea Lisi interviene nel suo Blog di Huffpost con un approfondimento sul rapporto tra identità, social e odio on line, riabilitando l’importanza di soppesare qualsiasi scelta sulla base dello strumento prescelto, in questo caso,  per la regolamentazione dell’accesso tramite identificazione sicura.

L’articolo è consultabile nella sua versione integrale al seguente link