DL Semplificazioni e invio delle istanze online: i problemi per le PA

Con l’entrata in vigore del D.L. n. 76/2020, convertito in Legge n. 120/2020, sono state apportate svariate modifiche al Codice dell’Amministrazione Digitale (D.Lgs. 82/2005) effettuate – ancora una volta – in maniera frettolosa e avventata.

Sulle pagine di Agendadigitale.eu l’Avv. Andrea Lisi fa luce, nello specifico, sulle novità introdotte all’articolo 65 – recante la disciplina dell’invio telematico delle istanze e delle dichiarazioni alle pubbliche amministrazioni – evidenziando come esse possano dar luogo a significativi problemi per le pubbliche amministrazioni.

Art. 65 del CAD: strani effetti interpretativi

Se letto in combinato disposto con l’art. 20 del CAD, la nuova formulazione dell’art. 65 – dichiara l’Avv. Lisi – può dar luogo a strani effetti interpretativi che possono tradursi in vere e proprie distorsioni.

Il comma 1, lett. a) dell’art. 65 questione stabilisce che le istanze e le dichiarazioni inviate telematicamente alle pubbliche amministrazioni e ai gestori dei servizi pubblici sono valide se sottoscritte mediante una delle forme di cui all’art. 20. Da ciò consegue che anche una semplice e-mail (esempio di firma elettronica semplice) è considerata una modalità valida per la trasmissione di istanze e dichiarazioni alla PA.

Contenuto o contenitore: è questo il dilemma

Alla lettera c-bis) è stabilito, invece, che le istanze e le dichiarazioni inviate alle pubbliche amministrazioni sono valide se inviate da proprio domicilio digitale o, in assenza, da un indirizzo elettronico eletto presso un servizio di posta elettronica certificata (PEC) o un servizio elettronico di recapito certificato qualificato, come definito dal Regolamento eIDAS. Anche stavolta la confusione del Legislatore regna sovrana: la PEC è un “trasmettitore” (contenitore) che contiene vari documenti informatici – evidenzia l’Avv. Lisi – e non corrisponde al messaggio firmato (contenuto). La PEC è un sistema che non accerta l’identità del mittente, ma garantisce l’opponibilità a terzi dell’avvenuta trasmissione.

Come possono le pubbliche amministrazioni ovviare a tali problematiche?

Vi invitiamo a consultare la versione integrale dell’articolo, pubblicata su Agendadigitale.eu

Le contorsioni del documento informatico e delle firme elettroniche nel CAD

Rivedi il webinar del DIG.eat 2021

Rivedi il webinar dell’Avv. Andrea Lisi su come sopravvivere alle modifiche contenute nell’art. 65 del Codice dell’amministrazione digitale (CAD).

Per accedere al contenuto è necessario registrarsi alla piattaforma, con una semplice iscrizione in due passaggi (e pochi dati richiesti).
Si avrà così accesso al palinsesto completo gratuitamente e on demand.

Tutti i contenuti che vuoi, in continuo aggiornamento, a tua disposizione gratuitamente. Senza limiti.