Il Garante adotta definitivamente il Codice di Condotta per le informazioni commerciali

Il Garante per la protezione dei dati personali ha approvato la versione definitiva del Codice di condotta sulle informazioni commerciali, elaborato dall’Associazione nazionale tra le imprese di informazioni commerciali e di gestione del credito (Ancic).

Organismo di monitoraggio

Il testo entrerà in vigore il giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale; il Codice di Condotta è stato accreditato dall’Organismo di monitoraggio (OdM) come previsto dal Regolamento europeo in materia di protezione dei dati. (Art. 57, lett.q)

Il documento attribuisce all’OdM, fra l’altro, il compito di verificare l’osservanza del Codice di condotta da parte degli aderenti e di gestire la risoluzione dei reclami. L’organismo, esterno all’Ancic, è formato da cinque componenti, con un incarico quinquennale non rinnovabile.

Ciascun membro dell’OdM deve garantire un adeguato livello di competenza e un’approfondita conoscenza in materia di informazioni commerciali e di protezione dei dati, deve assicurare la massima imparzialità ed indipendenza e deve evitare ogni situazione di conflitto di interessi.

Il Codice di Condotta, già approvato dal Garante il 12 giugno 2019, apporta una regolamentazione certa delle informazioni commerciali prevedendo l’affidabilità commerciale di imprenditori e manager, i quali potranno trattare i dati personali dei soggetti censiti senza consenso.

La base giuridica del trattamento è rinvenibile nel legittimo interesse ma si dovrà garantire maggior tutele agli interessati come l’informazione corretta sui trattamenti, l’esercizio effettivo dei diritti previsti dal GDPR agli artt. 15 e ss.

Master Universitario di 1° livello – I professionisti della digitalizzazione documentale e della privacy

Scopri il corso universitario in e-learning

Il Master intende fornire ai partecipanti una preparazione manageriale, completa e multidisciplinare necessaria ad affrontare e risolvere le sfide poste dalla progressiva digitalizzazione degli enti, sia pubblici che privati anche alla luce delle novità introdotte nel contesto normativo europeo, in particolare si fa riferimento al GDPR (General Data Protection Regulation) – Regolamento UE 679/2016 e al Regolamento eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature) – Regolamento UE n° 910/2014.