Garante privacy, al via i lavori per le nuove Regole deontologiche in ambito statistico

Le Regole predisposte dall’Istat e dagli altri soggetti Sistan dovranno essere approvate dall’Autorità Garante che verificherà la conformità al Regolamento e al Codice Privacy.

L’invito

Il Sistan è la rete di soggetti pubblici e privati che insieme all’Istat fornisce al Paese e agli organismi internazionali l’informazione statistica ufficiale. Il Garante ha invitato tutti soggetti che hanno titolo a sottoscrivere le Regole deontologiche, e i portatori di un interesse qualificato, che volessero partecipare ai lavori, a fornire informazioni e documentazione all’Autorità all’indirizzo regoledeontologichesistan@gpdp.it, entro 60 giorni dalla pubblicazione del provvedimento sulla Gazzetta Ufficiale.

Provvedimento del 15 aprile

A tal proposito, il Garante, il 15 aprile scorso, ha emanato un provvedimento al fine di sottolineare che le regole deontologiche devono rispettare il principio di rappresentatività (ex art. 2-quater del Codice).

Il Garante è, altresì, chiamato a valutare la sussistenza di un interesse in capo a soggetti  interessatiall’applicazione delle Regole deontologiche ancorché non tenuti alla sottoscrizione delle stesse (art. 24, comma 5).

Possano definirsi portatori di un interesse qualificato, in questo ambito:

  1. tutti i soggetti a cui è fatto obbligo di fornire dati all’Istat anche per le rilevazioni previste dal programma statistico nazionale (art.7 d.lgs. 322 del 1989);
  2. gli interessati, nella misura in cui le Regole deontologiche possono incidere sulla definizione della portata delle deroghe ai diritti di cui agli artt. 15, 16, 18 e 21 del Regolamento;
  3. i soggetti che possono accedere, per il perseguimento di scopi scientifici, ai dati raccolti per scopi statistici in ambito Sistan.

Le regole deontologiche sono, oggi, strategiche per le rilevanti novità tecnologiche intervenute negli ultimi anni e per poter essere al passo con il contesto europeo.

💡Potrebbe interessarti – Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: svelate luci e ombre

Master Universitario di 1° livello – I professionisti della digitalizzazione documentale e della privacy

Scopri il corso universitario in e-learning

Il Master intende fornire ai partecipanti una preparazione manageriale, completa e multidisciplinare necessaria ad affrontare e risolvere le sfide poste dalla progressiva digitalizzazione degli enti, sia pubblici che privati anche alla luce delle novità introdotte nel contesto normativo europeo, in particolare si fa riferimento al GDPR (General Data Protection Regulation) – Regolamento UE 679/2016 e al Regolamento eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature) – Regolamento UE n° 910/2014.