Sicurezza marittima globale: l’UE rafforza il ruolo di garante

Il 22 giugno 2021 il Consiglio Europeo accoglie l’intenzione dell’UE di intensificare il suo ruolo di garante per la sicurezza marittima globale. Questa decisione è scaturita già da un precedente piano d’azione del 2018.

Partendo da tali premesse, l’Avv. Davide Maniscalco, componente del D&L NET, presenta per le pagine della Rubrica Digital & Law di Key4biz un approfondimento sulla nuova strategia adottata dall’UE per permettere la crescita della blue economy e la cybersicurezza nel settore marittimo.

Priorità

L’attuazione dell’agenda strategica 2019-2024 è sicuramente la priorità dell’UE, poiché la sua riuscita permetterà di essere molto più autonomi e avere una linea strategica precisa. Tra i punti la sicurezza marittima costituisce la base fondamentale per un incremento della Blu economy, minata dalle continue minacce che continuano a insorgere, sempre più frequentemente.

L’UE come riuscirà a intensificare la sua posizione di fornitore di sicurezza marittima globale? Come arginare i nuovi cyber attacchi?

Questo articolo è apparso originariamente su Key4biz.it. Continuare a leggere la versione integrale

Giuristi esperti nella trasformazione digitale della pubblica amministrazione

Scopri il corso in E-learning

Il decreto-legge Semplificazioni n. 76/2020 ha introdotto nel CAD il nuovo art. 13-bis, nel quale si stabilisce che le pubbliche amministrazioni si possono avvalere di uno o più Esperti dotati di esperienza e qualificazione professionale nello sviluppo e nella gestione di processi complessi di trasformazione tecnologica e progetti di trasformazione digitale.

La fruizione del percorso è valida come formazione professionale ai fini dell’acquisizione delle competenze per svolgere il ruolo di Esperto nello sviluppo e nella gestione di processi complessi di trasformazione tecnologica e progetti di trasformazione digitale, ai sensi dell’art. 13 bis del CAD