Rule of Law: i 4 elementi chiave dello stato di diritto

La Commissione europea ha recentemente pubblicato la seconda relazione sull’importante dossier, a livello UE, relativo allo Stato di diritto.

La relazione 2021 esamina le evoluzioni di scenario a far data dalla data di pubblicazione dell’ultimo report dello scorso settembre, con un approfondimento della valutazione delle questioni ivi emerse, anche tenendo conto dell’impatto della pandemia di COVID-19. Risulta molto importante al fine di valutare la capacità degli Stati membri di mantenere un sistema di controlli ed equilibri, sostenendo lo stato di diritto.

La relazione è altresì al centro del meccanismo per lo Stato di diritto che ha come obiettivo il miglioramento consapevolezza della tematica tramite l’identificazione delle sfide relative allo stato di diritto per aiutare gli Stati membri a trovare soluzioni efficaci con il sostegno della Commissione europea e degli altri Stati membri, anche con la condivisione di best practices.

I 4 elementi chiave

L’analisi fa riferimento al monitoraggio della complessiva situazione dell’area europea nel suo insieme, con l’allegazione dei capitoli nazionali dedicati a ciascuno Stato membro.

In generale, sono stati evidenziati alcuni trend positivi negli Stati membri e, in alcuni casi, sono stati rilevati permanenti preoccupazioni sull’indipendenza della magistratura e del pluralismo dei media, registrando una preoccupante escalation.

L’ Avv. Davide Maniscalco, componente del D&L NET, presenta per le pagine della Rubrica Digital & Law di Key4biz un approfondimento sui 4 elementi chiave su cui la relazione si basa: sistemi giudiziari; il quadro anticorruzione; pluralismo e libertà dei media e altre questioni istituzionali legate ai controlli e agli equilibri.

Questo articolo è apparso originariamente su Key4biz.it. Continuare a leggere la versione integrale

Giuristi esperti nella trasformazione digitale della pubblica amministrazione

Scopri il corso in E-learning

Il decreto-legge Semplificazioni n. 76/2020 ha introdotto nel CAD il nuovo art. 13-bis, nel quale si stabilisce che le pubbliche amministrazioni si possono avvalere di uno o più Esperti dotati di esperienza e qualificazione professionale nello sviluppo e nella gestione di processi complessi di trasformazione tecnologica e progetti di trasformazione digitale.

La fruizione del percorso è valida come formazione professionale ai fini dell’acquisizione delle competenze per svolgere il ruolo di Esperto nello sviluppo e nella gestione di processi complessi di trasformazione tecnologica e progetti di trasformazione digitale, ai sensi dell’art. 13 bis del CAD