Lotta contro la criminalità organizzata: la nuova strategia dell’UE

Sul tavolo europeo, la commissione presenta una nuova strategia per combattere la criminalità organizzata e si pone l’obbiettivo di intensificare la cooperazione giudiziaria. Tale esigenza si sviluppa in una sempre più diffusa realtà costellata da attività criminose, rilevate dal nuovo ecosistema digitale.

L’Avv. Davide Maniscalcocomponente del D&L NET, presenta per le pagine della Rubrica Digital & Law di Key4biz un approfondimento sulle strategie adottate dell’Europa per affrontare la criminalità organizzata.

In difesa dei cittadini

In un recente report EU SOCTA 2021, Europol ha chiarito il quadro sulla criminalità organizzata in ogni singolo stato membro e come essa rappresenti una grande minaccia non solo per i cittadini, ma anche per imprese e le istituzioni statali. A subire pesanti ripercussioni da essa è anche l’ecosistema economico che si basa su una fluida rete di cooperazione al fine del profitto, che versa in uno stato ormai corrotto.

Qual è il quadro completo della nostra situazione? Come si sta muovendo l’Europa? Quali sono le strategie che metterà in atto?

Questo articolo è apparso originariamente su Key4biz.it. Continuare a leggere la versione integrale

E-learning: Giuristi esperti nella trasformazione digitale della pubblica amministrazione

Scopri il nuovo corso in collaborazione con Euroconference

Il decreto-legge Semplificazioni n. 76/2020 ha introdotto nel CAD il nuovo art. 13-bis, nel quale si stabilisce che le pubbliche amministrazioni si possono avvalere di uno o più Esperti dotati di esperienza e qualificazione professionale nello sviluppo e nella gestione di processi complessi di trasformazione tecnologica e progetti di trasformazione digitale. Tali Esperti, in qualità di consulenti esterni specializzati, dovranno collaborare con il Responsabile per la Trasformazione digitale (RTD), figura interna alla pubblica amministrazione, prevista all’art. 17 del CAD.