La libertà promessa: solo un’illusione commerciale?

La vera domanda che dovremmo porci è: se fossimo stati bannati noi?

È questo il dubbio con cui esordisce l’Avv. Daniele Minotti nell’articolo sulla Rubrica Digital & Law per Key4biz, commentando gli ultimi fatti accaduti a Capitol Hill, e la conseguente censura dell’account del Tycoon sui social media.

LEGGI ancheIl Web tra censura e libertà di informazione: cosa sta accadendo?

 

La nuova “Democrazia”

Immaginiamo di affrontare la stessa situazione: da un giorno all’altro il nostro account viene chiuso. Sorge quindi spontaneo riflettere su questa “nuova democrazia”, dove siamo governati da un organo non eletto democraticamente né nominato. La sua figura però ha il carattere di un dominatore commerciale, un sovrano del web.

Eppure la promessa iniziale fattaci non era questa, ma ci veniva concesso uno spazio libero e democratico in cui esprimere la propria opinione. Cosa implica tutto questo? Quale dovrebbe essere attualmente la nostra posizione?

Questo articolo è apparso originariamente su Key4biz.it. Per continuare a leggere la versione integrale clicca qui.