Invio telematico degli atti notarili: le più importanti città italiane coinvolte nella sperimentazione

di silvia

La sperimentazione sull’invio telematico degli atti notarili, che dal dicembre 2010 interessa gli uffici di Bologna, Firenze, Lecce e Palermo, si estenderà alle città di Roma, Milano, Napoli e Torino a partire dal 29 settembre prossimo. Questo prevede infatti il provvedimento interdirigenziale appena firmato dal direttore generale della giustizia civile del Dipartimento per gli affari di giustizia del ministero competente e il direttore dell’Agenzia del Territorio sulla scia del successo finora riscosso dalla sperimentazione, che ha visto toccare percentuali importanti (più del 45%, in alcuni casi più del 55% del totale) all’invio telematico dei titoli. Percentuali così positive da far sperare in un’ulteriore impennata ora che alla lista si aggiungeranno le città più popolose d’Italia, arrivando a coinvolgere un totale di circa 5000 notai. I documenti interessati sono le copie autenticate di atti notarili, redatte e firmate in modo del tutto digitale, alla cui spedizione le Agenzie del territorio rispondono con l’invio (sempre rigorosamente telematico) di un certificato che attesti l’eseguita formalità.
Un altro passo importante verso la semplificazione, lo snellimento e la velocizzazione dei procedimenti amministrativi viene compiuto, a vantaggio dei cittadini e della PA.