Emanate le nuove regole per la videosorveglianza

L’Autorità Garante per la protezione dei dati personali ha emanato le nuove regole per i soggetti pubblici e privati che intendono installare telecamere e sistemi di videosorveglianza.

Il nuovo Provvedimento generale sostituisce il precedente emanato nel 2004 e tra le novità principali si segnala l’obbligo di adeguarsi alle seguenti prescrizioni:

– sistemi integrati di videosorveglianza solo nel rispetto di specifiche garanzie per la libertà delle persone;

– appositi cartelli per segnalare la presenza di telecamere collegate con le sale operative delle forze di polizia;

– obbligo di sottoporre alla verifica del Garante privacy, prima della loro attivazione, i sistemi che presentino rischi per i diritti e le libertà fondamentali delle persone, come i sistemi tecnologicamente avanzati o “intelligenti”;

– conservazione a tempo delle immagini registrate;

– rigorose misure di sicurezza a protezione delle immagini e contro accessi non autorizzati.

 

Il periodo per adeguarsi alle nuove prescrizioni contenute nel provvedimento è stato fissato, a seconda degli adempimenti, da un minimo di sei mesi ad un massimo di un anno.

 

Il Garante Privacy ha inoltre preso in esami alcuni specifici settori di particolare interesse tra cui:

 

•        Sicurezza urbana

•        Sistemi integrati che collegano telecamere tra soggetti diversi, sia pubblici  che privati, o che consentono la fornitura di servizi di videosorveglianza “in remoto” da parte di società specializzate (es. società di vigilanza, Internet providers) mediante collegamento telematico ad un unico centro

•        Sistemi intelligenti dotati di software che permettono l’associazione di immagini a dati biometrici o in grado di riprendere e registrare automaticamente comportamenti o eventi anomali e segnalarli

•        Violazioni al codice della strada

•        Deposito rifiuti

•        Luoghi di lavoro

•        Ospedali e luoghi di cura

•        Istituti scolastici

•        Taxi

•        Trasporto pubblico

•        Webcam a scopo turistico

•        Tutela delle persone e della proprietà contro possibili aggressioni, furti, rapine, danneggiamenti, atti di vandalismo, prevenzione incendi, sicurezza del lavoro ecc.

 

Il provvedimento integrale è scaricabile alla pagina: 
http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1712680

 

 

 

Redazione13 Gennaio 2016