“Decreto privacy” di adeguamento: ma alla fine la paventata sospensione di 8 mesi delle sanzioni c’è o non c’è?

Il GDPR c’è. Il tanto discusso decreto di adeguamento, pure. E non tardano ad arrivare i primi commenti, risultato di diatribe dottrinali più o meno affidabili.

L’avv. Andrea Lisi esprime alcune, prime considerazioni sullo scenario generatosi all’indomani dell’uscita del decreto, cercando di richiamare l’attenzione sulla necessità primaria di leggere, con pazienza e attenzione, il testo, prima di affidarsi a commenti improvvisati, “miracolose certificazioni”, “manuali e manualini da sfogliare”.

Potete consultare la versione integrale dell’articolo, al seguente link.

Buona riflessione!