Cybersecurity: alta priorità. L’UE propone un piano collettivo per difenderci

Dalla pandemia, il problema della cybersecurity si è intensificato. Il passaggio delle nostre vite sul web ha portato a un’evitabile comparsa di frequenti data breach e attacchi hacker. Per combattere questo fenomeno la Commissione Europea ha delineato l’idea di costruire una nuova unità informatica europea comune.

Partendo da tali premesse, l’Avv. Davide Maniscalco, componente del D&L NET, presenta per le pagine della Rubrica Digital & Law di Key4biz un approfondimento sugli obiettivi di questo nuovo progetto e sulle caratteristiche dell’European Joint Cyber Unit.

Obiettivo primario: sicurezza informatica

Per poter combattere il crescente bisogno di proteggere i nostri dati, bisogna reagire unendosi. Creare una collettività e scambiare informazioni potrà solo aumentare la comune resilienza e rendere consapevoli tutti dei rischi. Quindi, la cybersecurity è una priorità assoluta?

European Joint Cyber Unit

Il progetto in cantiere si chiama European Joint Cyber Unit. La parte operativa, che sarà composta dalle risorse e dalle competenze dell’UE, si chiamerà European Cyber Shield. Essa sarà la comune piattaforma di cooperazione virtuale e fisica a disposizione delle istituzioni, il cui obiettivo sarà scoraggiare e garantire una risposta coordinata dell’UE a crisi e incidenti informatici su larga scala.

Ma quali altre caratteristiche dovrà avere questo progetto? Quali sono le priorità dell’UE? Qual è il ruolo degli Stati membri nel realizzare questo progetto?

Questo articolo è apparso originariamente su Key4biz.it. Continuare a leggere la versione integrale

Giuristi esperti nella trasformazione digitale della pubblica amministrazione

Scopri il corso in E-learning

Il decreto-legge Semplificazioni n. 76/2020 ha introdotto nel CAD il nuovo art. 13-bis, nel quale si stabilisce che le pubbliche amministrazioni si possono avvalere di uno o più Esperti dotati di esperienza e qualificazione professionale nello sviluppo e nella gestione di processi complessi di trasformazione tecnologica e progetti di trasformazione digitale.

La fruizione del percorso è valida come formazione professionale ai fini dell’acquisizione delle competenze per svolgere il ruolo di Esperto nello sviluppo e nella gestione di processi complessi di trasformazione tecnologica e progetti di trasformazione digitale, ai sensi dell’art. 13 bis del CAD