Apologia del fascismo e social network

L’avv. Andrea Lisi è tra gli ospiti della puntata di “Tutta la città ne parla” trasmessa in diretta su Rai Radio 3 nella giornata di ieri e dedicata ad affrontare un tema di grande attualità: il rapporto tra apologia del fascismo e social network.

LEGGI – Facebook chiude Casapound, perché se sei democratico non devi esserne (troppo) contento

In questi giorni più che mai si sono intrecciati il discorso pubblico e quello privato: ieri fuori da Montecitorio le proteste contro il nuovo governo giallo rosso che si va formando da parte delle destre, non senza alcune derive nei gesti di matrice fascista. Nelle stesse ore un’azienda privata come Facebook ha deciso di chiudere i profili di Casa Pound e Forza Nuova, facendo quello che – sostiene ad esempio il blogger Fabio Chiusi – avrebbe dovuto fare lo Stato nelle piazze. In questo cortocircuito si rinnova il dibattito sulla legittimità della censura in rete che si inserisce nel confronto internazionale a proposito delle leggi restrittive sulla libertà di espressione, come ad esempio quella tedesca che prevede la cancellazione di messaggi contenenti incitamento all’odio nell’arco di poche ore, pena il pagamento di multe milionarie.

Di seguito l’elenco completo degli ospiti della puntata del 10 Settembre 2019

Antonio Pavolini, analista dei media digitali, ricordiamo il suo libro Oltre il rumore. Perché non dobbiamo farci raccontare internet dai giornali e dalla tv (Informant, 2016)

Andrea Lisi, avvocato, esperto di digitalizzazione, privacy e diritto dell’informatica. Nel 2007 ha fondato ANORC – Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione digitale dei documenti. Su Agenda Digitale scrive “Facebook chiude Casapound, perché se sei democratico non devi esserne (troppo) contento”

Fabio Chiusi, blogger e ricercatore universitario, vive in Germania, autore di Ti odio su facebook. Come sconfiggere il mito dei “brigatisti” da social network prima che imbavagli la rete, Mimesis 2010

Michelangelo Bovero, filosofo, insegna Filosofia politica all’ Università di Torino, dove dirige anche la Scuola per la buona politica. Tra i suoi libri La democrazia in nove lezioni (Laterza, 2010), e Contro il governo dei peggiori. Una grammatica della democrazia (Laterza, 2000)

Noemi Di Segni, presidente dell’Ucei – Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, esprime un messaggio di auguri per Liliana Segre, la senatrice a vita scampata ad Auschwitz

Vi invitiamo ad ascoltare il podcast della puntata dal seguente link